Olio d’oliva ottimo per combattere l’impotenza
Olio di oliva ottimo per combattere impotenza

Per superare il problema dell’impotenza, qualche cucchiaio di olio d’oliva potrebbe essere più efficace del Viagra o di altri farmaci, secondo uno studio che arriva direttamente dalla Grecia.

Cambiamenti di stile di vita a lungo termine come la dieta e l’esercizio fisico sembrano avere un grande impatto non solo sulle arterie ma anche sulla qualità della vita, compresa la capacità sessuale nelle popolazioni più anziane“, ha detto un ricercatore dell’Università di Atene in Grecia, Dr. Christina Chrysohoou.

Consumare l’olio d’oliva e includerlo nella dieta può mantenere alta la capacità degli uomini a letto“, ha continuato citando un articolo del Daily Medical pubblicato lunedì 3 settembre.

Per arrivare a questa conclusione, più di 600 uomini sono stati coinvolti nel diventare partecipanti di uno studio molto approfondito, seguendo una dieta,  basata su consumo di verdure, frutta e noci. Il consumo di carne e il cibo trasformato vengono ridotti mentre l’assunzione di burro viene sostituita con quello dell’olio d’oliva.

Il risultato, i partecipanti che hanno subito questa dieta ha ridotto il rischio di avere la disfunzione erettile del 40 per cento, dunque, coloro che consumavano circa nove cucchiai di olio d’oliva ogni settimana non solo riducevano il rischio di impotenza, ma aumentavano anche i livelli di testosterone.

L’olio d’oliva è la soluzione per gli uomini, possono ancora mantenere la loro funzione sessuale.Questa è anche la risposta per gli uomini nel restare attivi più a lungo a letto“, ha confermato Chrysohoou, proseguendo “Il Viagra non migliora nulla a lungo termine, ma dà solo effetti a breve termine“.

L’olio d’oliva può aiutare a dilatare le arterie che hanno un buon effetto sul flusso sanguigno e, a sua volta, migliorare la funzione sessuale.

Se i vasi sanguigni del pene sono stretti, provoca l’incapacità di erigere e diventare un segno precoce di aterosclerosiil restringimento delle arterie può portare ad un infarto o ictus“, ha confermato l’infermiera senior specializzata in cardiologia presso la British Heart Foundation, Julie Ward, citata da Antara .

Sono Anna, attualmente iscritta al Dams, amo molto leggere, ascoltare buona musica e ragionare sui pensieri filosofici, di tanto in tanto sono alla ricerca di notizie sul mondo dello spettacolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Tumore al seno, gli scienziati provano a bloccare la crescita delle metastasi

Il tumore al seno è la neoplasia più frequente in assoluto nella…

Argentina, poliziotta allatta al seno un neonato malnutrito

Purtroppo ovunque si volge lo sguardo ci si imbatte quasi quotidianamente in…

Sanità, in Umbria nuove tecniche mini-invasive di intervento

In Umbria la sanità eccelle, nuove tecniche laparoscopiche e mini-invasive di intervento.…