Robert De Niro e il controverso documentario anti vaccini

La questione vaccini negli ultimi mesi è una delle più scottanti, a livello internazionale, e tocca particolarmente anche il nostro paese, dove il tasso dei bambini vaccinati è in drastica diminuzione.

Da un lato c’è l’organizzazione mondiale della Sanità che spinge sul rischio che si corre, con virus quasi debellati che stanno tornando a proliferare, e da l’latro ci sono i genitori che rivendicano la libertà di non vaccinare i propri figli, a fronte di presunti rischi che si corre nel somministrare il medicinale ai propri figli.

Come sempre anche il cinema si è occupato della controversa questione: in particolare il nelle ultime settimane ha scatenato un mare di polemiche film Vaxxed: from Cover-Up to Catastrophe (Vaccinati: dall’insabbiamento alla catastrofe) di Andrew Wakefield, il medico che accusa le autorità americane di aver nascosto i dati di uno studio che indicherebbe un rapporto tra la diffusione delle vaccinazioni e l’aumento delle diagnosi di autismo.

L’attore Robert De Niro in un primo momento aveva chiesto alla giuria del festival di Tribeca di includere il film nella rassegna, per approfondire il dibattito, dato che lui stesso ha un figlio autistico, ma alla fine ha cambiato idea.

De Niro ha infatti annunciato che il documentario non sarà proiettato. «Io e gli organizzatori del festival non pensiamo che dia un contributo al dibattito sui vaccini così come speravamo», ha spiegato De Niro, che ha esaminato il film anche con esperti della comunità scientifica. «Il festival non cerca di evitare le polemiche: tuttavia, ci sono degli elementi in questo film che ci spingono a non inserirlo nel programma del festival».

In Vaxxed,  Wakefield suggerisce ai genitori di evitare i vaccino per il morbillo, la parotite e la rosolia, perché secondo lui potrebbero essere legati all’autismo.

You May Also Like

Dagospia lancia nuova bomba sul caso Pamela Prati

Noi ve ne avevamo parlato già nelle ore precedenti, ma ieri sera…

Gatti isola greca si viene pagati per accarezzarli per lavoro

Se notoriamente è il cane il migliore amico dell’uomo e sono innumerevoli…

Sanità, in Umbria nuove tecniche mini-invasive di intervento

In Umbria la sanità eccelle, nuove tecniche laparoscopiche e mini-invasive di intervento.…